Scrivere Curriculum efficaci richiede alcune capacità di base. Per essere efficace, un CV fatto bene deve essere: esaustivo, ovvero riportare le informazioni necessarie ed i punti salienti, sintetico, se non si vuole far perdere tempo a chi lo legge (la prima valutazione di un CV non richiede in genere più di uno-due minuti) proponendo informazioni inutili, incomplete o non richieste, ed obiettivo: non bisogna mai eccedere nel descrivere le proprie capacità o esagerare citando esperienze che non si hanno.

  • La foto è un elemento indispensabile, che farà la differenza, quindi vicino alla scritta Curriculum Vitae inserite la foto.

Informazioni Personali.

    • Le informazioni più importanti sono: nome e cognome, indirizzo, contatti telefonici e email. Usate il grassetto e create un collegamento ipertestuale per l’indirizzo mail.
    • Altre informazioni necessarie: nazionalità, data di nascita, stato civile. Usate il font normale senza grassetto.

Informazioni supplementari

    • Disponibilità al trasferimento.  Possibilmente scrivete la città.
    • All’interno della stessa voce scrivete se appartenete ad una categoria particolare.

Posizione o settore desiderato.

  • Questa voce non è presente di default nel Formato Europeo. Consiglio di inserirla prima delle Esperienze Lavorative. Se vi siete candidati per una posizione specifica indicatene il riferimento, in caso di autocandidatura indicate il settore (Sales, Marketing, Amministrazione, Pre-Sales …).

Esperienza Lavorativa.

    • Le voci più importanti sono: Data, Nome e indirizzo dell’azienda, Occupazione o posizione. Il settore dell’azienda e la descrizione delle attività e responsabilità sono informazioni secondarie (o di approfondimento).
    • L’azienda è importantissima, in particolar modo se è nota, essa stessa è una garanzia per chi legge ed uno sponsor per il candidato.
    • La data serve a far capire se attualmente state lavorando e gli anni di esperienza.
    • Queste 3 informazioni devono essere in grassetto.
    • L’ordine delle voci è fondamentale, quindi seguire quello descritto di seguito:
  • Data – In grassetto
  • Nome azienda – Tutto in grassetto, compreso l’indirizzo.
  • Tipologia del settore – Solo maiuscoletto, normale, senza grassetto.
  • Ruolo, occupazione o posizione – Solo in grassetto
  • Mansioni e responsabilità – Nessuna modifica, lasciate il testo base.

Schematizzate e sintetizzate.

  • Meglio avere più frasi semplici, corte e sintetiche che una lunga e descrittiva.
  • Ogni frase deve corrispondere ad una mansione o responsabilità.
  • Usate gli elenchi puntati in modo da schematizzare e rendere la lettura veloce e fluida.
  • Se avete ricoperto più ruoli nella stessa azienda, che siano in contemporanea o in periodi differenti, inserite nuovamente le voci necessarie.

Certificazioni.

Cercate sempre di seguire una linea temporale. Se sono state acquisite durante gli studi inseritele nella sezione “Istruzione e formazione“.
Nel caso in cui sono state conseguite durante il periodo lavorativo create un apposita sezione.

E’ importante il nome dell’organizzazione o di chi ha rilasciato la certificazione e la qualifica conseguita.

Educazione e Istruzione.

  • Continuate a seguire l’ordine cronologico, usualmente master e corsi di specializzazione vanno prima della laurea.
  • Se avete già una forte esperienza lavorativa, le date in questa sezione non servono a nulla, complicano solo la lettura e sprecate righe che potreste utilizzare in modo migliore.
  • Il nome dell’ente ha un peso rilevante.

Conoscenza delle lingue.

  • Usate lo schema apposito e non esagerate con l’autovalutazione, se vi metteranno alla prova farete una figuraccia.

Patente o Patenti.

Per la completezza del curriculum è opportuno inserire anche le patenti di cui si è in possesso.